LA DIETA FITOCHETOGENICA DEL PROGETTO TISANOREICA®: gli antichi estratti decottopirici uniti alla strategia chetogenica per una “chetosi verde”.

Il metodo Tisanoreica è un protocollo per la riduzione del peso che si basa sull’attivazione della via metabolica della chetosi e fa quindi parte delle VLCKD (very low carbohydrate ketogenic diet).

Questo programma di dimagramento personalizzato (la durata della dieta varia a seconda della necessità del consumatore da un minimo di venti giorni ad un massimo di quaranta giorni) è stato elaborato e testato in collaborazione con il Dipartimento di Anatomia e Fisiologia dell’Università di Padova e con la Società Europea per gli Studi sulla Nutrizione.

 

LE DUE FASI DEL METODO TISANORIECA

Il metodo Tisanoreica si sviluppa in due fasi: nella prima fase (chiamata Fase Intensiva) si elimina ogni tipo di carboidrato digeribile (sia semplice che complesso) e si consumano quattro pietanze tisanoreica (P.A.T., acronimo per Porzione Alimentare Tisanoreica) al giorno completando la dieta con altri alimenti (verdure, carne, pesce) in qualità e quantità stabilite.

In questa prima fase (Fase Intensiva di durata massima di venti giorni) viene attivato il meccanismo della chetosi e il nostro organismo consuma le sue riserve di grassi, ma non va a ledere la massa magra grazie all’apporto amminoacidico adeguato fornito dai PAT. L’assunzione di zuccheri viene drasticamente ridotta per costringere il corpo a utilizzare le riserve di grasso a scopo energetico (poichè quando nella dieta sono presenti carboidrati come sostanze nutrienti, l'utilizzzo dei grassi a scopo energetico non è necessaria e quindi viene inibita).

Nella seconda fase (chiamata Fase di Stabilizzazione) non si è più in chetosi, si consumano solamente due PAT al giorno e si reintroduce una modica quantità di carboidrati complessi integrali oltre all’assunzione di verdure, carne e pesce.

Durante entrambe le fasi si utilizzano anche dei Decottopirici a base di erbe per aumentare la disponibilità dei nutrienti, favorire l’entrata in chetosi, stimolare le secrezioni digestive ed epatiche e migliorare la peristalsi intestinale.

 

LA DECOTTOPIA: IL CUORE VERDE DELLA DIETA TISANOREICA

Ciò che caratterizza il protocollo Tisanoreica è il fatto di non essere semplicemente una dieta chetogenica, ma fitochetogenica: durante le due fasi della dieta vengono infatti associati all’alimentazione degli Estratti Tisanoreica Funzionali (Depurativo Antartico, Vigor Mech, Diur Mech, Lino Rabarbaro) preparati secondo l’antico metodo della Decottopia, con lo scopo di combattere gli effetti secondari conosciuti delle diete proteiche, cioè il mal di testa durante l’entrata in chetosi, l’alitosi durante il dimagramento, la stitichezza e, in alcuni casi, le cefalee. Questa associazione permette di non avvertire più o di ridurre molto questi disturbi e inoltre questi preparati sono privi di alcol, zuccheri e conservanti e si bevono diluiti con acqua, aiutando così l’idratazione e la depurazione.

Gli estratti funzionali previsti dal protocollo base sono solitamente quattro, tuttavia la valutazione medica, di volta in volta, determina il tipo di estratto e il dosaggio più adatto alla persona interessata: il Depurativo Antartico II, ad esempio, è prescritto in sostituzione al Depurativo Antartico I alle persone affette da ipotiroidismo poichè non contiene fucus, mentre il Vigor Mech è sconsigliato ai soggetti affetti da ipertensione, poichè contiene guaranà, ginseng, eleuterococco, liquirizia. 

 

TISANOREICA & DECOTTOPIA IN LETTERATURA

In base agli studi pubblicati il metodo Tisanoreica permette di perdere in media 3.5 kg con il protocollo base (durata totale 20 giorni), 5.5 kg con il protocollo medio (durata totale 30 giorni) e 7.5 kg con il protocollo urto (durata totale 40 giorni), risultando efficace nella riduzione ponderale a prescindere dall’età del soggetto (Babbolin, 2009).

 

La Tisanoreica è stata anche studiata per il trattamento del diabete di tipo 2 e si è dimostrato che, a differenza di una dieta ipocalorica bilanciata, migliora lo scompenso metabolico e perciò è stato necessario adattare a tali variazioni la terapia farmacologica, diminuendo la dose dei farmaci (Cenci, 2010).

 

É stato dimostrato, inoltre, che alcuni prodotti della Decottopia sono efficaci nell’aumentare le difese immunitarie (Paoli, 2009), nel ridurre la colesterolemia (Cenci, 2009), la stipsi (Cenci, 2009),  i radicali liberi (Migliorati, 2010) e nell’agevolare una dieta ipocalorica leggermente iperproteica riducendo l’assorbimento glucidico e lipidico (Cenci  2010).

 

Un altro studio ha messo a confronto la dieta Mediterranea, Zona e Tisanoreica sulla funzionalità epatica e l’assetto lipidico: i dati hanno confermato quanto trovato da altri autori sulla migliore efficacia della dieta chetogenica per la riduzione ponderale, il miglioramento del profilo lipidico e della sua innocuità per la funzionalità epatica e renale. La dieta Tisanoreica inoltre, utilizzando gli integratori che simulano l’aspetto e il gusto dei carboidrati e i fitoestratti che mitigano gli effetti collaterali della chetosi, aumenta la compliance dei pazienti, riducendo il drop-out (Paoli, 2010).

 

LA FASE POST-TISANOREICA

Al termine delle due fasi del Protocollo Tisanoreica è molto importante acquisire una regola alimentare che consenta al corpo di stabilizzare il proprio peso: a questo scopo è nata la linea Tisanoreica Vita, che offre menu personalizzabili che integrano la dieta comune con ottime pietanze e snacks prodotti appositamente per questa fase di “mantenimento” del peso raggiunto.  

IL NOSTRO CONSIGLIO: un’ottima strategia per la fase “post Tisanoreica”  per mantenere il peso raggiunto è di fare un test nutrigenetico e modulare la propria dieta in base al risultato ottenuto.