I contraccettivi orali portano a cambiamenti nei bisogni nutrizionali

May 11th at 12:00am
Share

I contraccettivi orali (la comune pillola anticoncezionale) nacquero negli anni ’60 e da allora c’è stata una grande evoluzione nella loro formulazione per ridurne gli effetti collaterali mantenendo inalterata l’efficacia anticoncezionale. Oggi sono tra i farmaci più venduti nei Paesi Occidentali con efficacia teorica del 99%.

Tuttavia, i contraccettivi orali moderni hanno mantenuto degli effetti negativi a livello di metabolismo di micronutrienti che non bisogna sottovalutare, soprattutto se questi farmaci vengono usati per un lungo periodo di tempo e se vengono interrotti appena prima di una gravidanza, senza dare il tempo al corpo di “ripristinare” i corretti livelli di minerali e vitamine.

In base agli studi pubblicati, la supplementazione ideale per chi utilizza i contraccettivi orali è la seguente:

  • Complesso di Vit. B e acido folico: le vitamine B6, B12 e folati giocano un ruolo cruciale nelle donne, specialmente in età riproduttiva. Grazie al test nutrigenetico, si può conoscere la personale necessità di assumere queste vitamine, poichè esiste una variazione genetica a carico del gene MTHFR che identifica quei soggetti per i quali è molto importante integrare questo complesso vitaminico per prevenire rischi cardiovascolari, indicazione ancora più preziosa in caso di assunzione della pillola, che interagisce con il metabolismo di questi micronutrienti essenziali. Per quanto riguarda la vitamina B12, l'uso della pillola anticoncezionale è stato associato ad una diminuzione dei suoi livelli sierici ed è quindi altamente consigliabile, se si segue una dieta vegana e si assume la pillola anticoncezionale, integrarla, poichè la vitamina B12 non è presente nei cibi vegetali.
  • Vit. E: potente antiossidante liposolubile che protegge le strutture grasse come le membrane delle cellule del nostro corpo dall’ossidazione.  Lavora di concerto con la vit. C dalla quale viene poi rigenerato.
  • Vit. C.
  • Magnesio
  • Zinco: minerale che è presente in vari enzimi e ha un ruolo importante nel metabolismo del RNA, DNA, trasduzione del segnale e espressione genetica. Nel cervello viene immagazzinato in specifiche vescicole sinaptiche e ha un ruolo chiave nella plasticità sinaptica e nell’apprendimento.
  • Selenio: cofattore essenziale di enzimi antiossidanti e della funzionalità tiroidea.

 

Nonostante infatti questi micronutrienti siano presenti in molti dei comuni cibi, è largamente riconosciuto che c’è una differenza nella disponibilità di tali componenti tra gli integratori e il cibo comune, dovuto alle diverse forme nelle quali minerali e vitamine possono trovarsi nei cibi e perchè la cottura, la conservazione e il processamento portano solitamente una loro perdita.

 

Per quanto riguarda invece un’utile integrazione che contrasti la ritenzione idrica, l’effetto collaterale più comune dei contraccettivi orali, la Centella Asiatica si è dimostrata efficace.