Alzheimer: nuove strategie terapeutiche.

June 22nd at 12:00am
Share

L'Alzheimer è la causa più comune di demenza senile e presenile (<65 anni), con oltre 33 milioni di persone affette nel mondo.

Questa malattia è stata descritta per la prima volta dallo psichiatra tedesco Alois Alzheimer nel 1907 e coinvolge la corteccia e altre strutture cerebrali, dove avviene una progressiva degenerazione neuronale.

Le manifestazioni cliniche della malattia sono in progressione le seguenti e portano, in 5-10 anni, ad incapacità totale:

  • perdita della memoria recente
  • riduzione della capacità di intrattenere rapporti sociali
  • disturbi del linguaggio, il paziente fa fatica a denominare correttamente gli oggetti
  • sviluppo di diversi tipi di aprassia, cioè incapacità di eseguire determinate sequenze motorie come vestirsi, mangiare, comporre semplici puzzle, ecc.
  • perdita della capacità di giudizio, della ragione e delle funzioni cognitive
  • mutismo, incontinenza, incapacità di stare in piedi

Il trattamento dei pazienti affetti da Alzheimer è difficile e frustrante poichè non esiste una terapia specifica.

Tuttavia, gli ultimi anni di ricerca stanno portando notevoli novità, in particolare:

  1. Nella malattia vengono attivati gli astrociti e la microglia cerebrali che portano la produzione di un pool di sostanze pro-infiammatorie e radicali liberi che partecipano al danno cellulare. 
  2. Nella malattia si depositano nel cervello placche di proteina ß-amiloide e tau che inducono uno stato di infiammazione cronica che provoca ulteriore produzione di ß-amiloide con progressione della patologia.

Di consegnuenza, come nella depressione e schizofrenia, anche nell'Alzheimer l'interazione tra INFIAMMAZIONE* E STRESS OSSIDATIVO*  è importante. 

Inoltre, l'integrazione di micronutrienti ultili a frenare la malattia e ad una sua prevenzione è in continuo aggiornamento, in particolare oggi sappiamo che è utile assumere:

  • EPA/DHA*: lavorano sulla rigidità di membrana, hanno azione antinfiammatoria
  • Fosfatifilserina: lavora sulla perdita della memoria
  • Vit. B*
  • Magnesio
  • Antiossidanti*: lavorano sullo stress ossidativo
  • Acetil-L-carnitina

*Nelle farmacie Kerix siamo specialisti in lipidomica e nutrigenetica, le analisi che consentono di attuare una prevenzione personalizzata grazie all'alimentazione e ad una personalizzazione nell'introduzione di acidi grassi essenziali antinfiammatori, sostanze antiossidanti e altri micronutrienti. Chiama in farmacia per un appuntamento, ti aspettiamo!