Olio di palma: coltivazione, composizione e utilizzo alimentare.

July 27th at 12:00am
Share

COLTIVAZIONE

L'olio di palma è l'olio che ha i più bassi costi di produzione. Il suo uso si sta diffondendo sempre di più nell'industria alimentare poichè si è dimostrato un valido sostituto naturale agli acidi grassi idrogenati, che hanno perso di popolarità a causa degli effetti nocivi degli acidi grassi trans in essi contenuti. Infatti, l'olio di palma, grazie alla sua naturale composizione, può essere usato senza bisogno di idrogenazione, che è il processo utilizzato per rendere solidi gli oli vegetali, ma che porta anche la loro parziale isomerazione in acidi grassi trans.

Le campagne contro l'uso di quest'olio si basano sul fatto che per far spazio alle piantagioni di palme sono state deforestate grandi zone di foresta indonesiana importanti per la biodiversità ambientale del pianeta (figura 1). La deforestazione è preferita rispetto all'utilizzo di terreni erbosi poichè porta immediati ritorni economici dalla vendita del legname. A causa di questo problema è nata la RSPO (www.rspo.com) che si occupa della coltivazione sostenibile dell'olio di palma senza disboscamento e senza danni alla biodiversità, ma sostenendo i coltivatori e l'economia locale. Secondo la RSPO la produzione sostenibile dell'olio di palma è possibile e le campagne contro il suo utilizzo in Europa possono essere controproducenti e frenare il lavoro fatto in loco da questa organizzazione. Alcuni prodotti in commercio che utilizzano l'olio di palma prodotto in modo sostenibile secondo le direttive della RSPO si trovano a questo link  

Figura 1: Distribuzione globale dell'olio di palma e potenziali conflitti con la biodiversità

a) aree del mondo con più alta concentrazione di specie vertebrati endemiche 

b) distribuzione delle coltivazioni  di olio di palma 

c) zone agricole disponibili per la coltivazione delle palme

d) zone del Sud Est Asiatico dedicate alla coltivazione dell'olio di palma

 

COMPOSIZIONE

Dalla palma si producono 2 tipi di olio di palma:

1. il Palm Kernel Oil (PKO) è l'olio prodotto in quantità minore ed è ottenuto dalla spremitura dei semi del frutto. E' un grasso semisolido e giallino e contiene una più alta percentuale degli acidi grassi saturi laurico e miristico. E' usato nei grassi alimentari, biscotteria, gelati, maionnaise, saponi, detergenti.

2. L'olio di palma rosso è l'olio prodotto in quantità maggiore e si ottiene dalla spremitura del mesocarpo del frutto ed è di colore arancione. La sua composizione è costituita per il 50% da acidi grassi saturi di cui l'acido palmitico è il principale. Questa quota satura è controbilanciata dalla presenza del 39% di acidi grassi monoinsaturi (acido oleico) e dall'11% dell'acido grasso polinsaturo omega-6 linoleico. Rispetto all'olio di cocco, l'olio di palma rosso presenta quindi una minor componente di acidi grassi saturiOltre all'avere questa particolare composizione di acidi grassi, l'olio di palma grezzo ha una buona concentrazione di antiossidanti, beta-carotene e vitamina E che donano stabilità all'olio evitando il suo irrancidimento. L'olio di palma utilizzato nell'industria alimentare non è però l'olio di palma grezzo, ma un olio di palma raffinato. La raffinazione dell'olio di palma avviene in raffinerie, dove le successive trasformazioni causano ossidazione dell'olio e produzione di sottoprodotti di scarto. IN questo modo, purtroppo, i benefici dell'olio di palma grezzo vengono persi. 

CONCLUSIONE

L'unico modo per beneficiare di un olio di palma non dannoso né per i consumatori né per il pianeta è sostenere la RSPO, non acquistare prodotti contenenti olio di palma non certificato da questa organizzazione e informarsi sui processi di trasformazione che ha subito l'olio di palma grezzo che poi è stato inserito negli alimenti.

 

Nelle farmacie Kerix siamo specializzati in Lipidomica, l'analisi dei lipidi di membrana. Gli acidi grassi saturi e insaturi introdotti ogni giorno con l'alimentazione diventano i componenti delle membrane delle cellule dell'organismo. Un'alta percentuale di acidi grassi saturi o una carenza di particolari acidi grassi polinsaturi sono indice di disequilibrio di membrana negativo per la nostra salute, che può essere però corretto con una dieta e un'integrazione personalizzate. Chiama in farmacia per un appuntamento, ti aspettiamo!

 

Bibliografia

E. B. Fitzherbert et al. How will oil palm expansion affect biodiversity? Cell Press, 2008

R.H.V Corley. How much palm oil do we need? Environmental Science & Policy, 2009

Choo Yuen May and K. Nesaretnam. Research advancements in palm oil nutrition. Eur. J. Lipid. Sci. Technol., 2014

D.O.EDEM. Palm oil: Biochemical, physiological, nutritional, hematological, and toxicological aspects: A review. Plant Foods for Human Nutrition, 2002