Preveniamo l'osteoporosi!

August 24th at 12:00am
Share

L'osteoporosi è una condizione caratterizzata dalla perdita di massa ossea.

Si divide in osteoporosi primaria (originale) e osteoporosi secondaria.

L'osteoporosi primaria è la più comune ed è strettamente associata all'invecchiamento (osteoporosi senile), ma nelle donne è accelerata dal calo degli estrogeni prodotto dalla menopausa (osteoporosi post-menopausale). L'osteoporosi senile diventa generalmente sintomatica dopo i 70 anni, mentre quella post-menopausale può manifestarsi clinicamente entro 10 anni dall'inizio della menopausa.

L'osteoporosi secondaria è definita tale in quanto provocata da una causa precisa, come anomalie endocrine (iperparatiroidismo, ipogonadismo, iperattività surrenalica), patologie tumorali del midollo osseo, terapia cronica con corticosteroidi (es: cortisone), patologie epatiche o gastrointestinali che portano a malassorbimento (diminuito assorbimento di Calcio e Vit. D), alcolismo (l'alcol inibisce l'attività delle cellule ossee).

I fattori di rischio modificabili per questa patologia sono:

  • Vita sedentaria
  • Scarsa esposizione al sole
  • Fumo
  • Alcolismo
  • Anomalie nutrizionali (scarsa assunzione di calcio e vitamina D)

I FATTORI GENETICI hanno un'importanza fondamentale in questa patologia, dato che determinano fino al 70% la perdita di massea ossea. Nelle farmacie Kerix è possibile effettuare il test nutrigenetico che analizza il polimorfismo del recettore della vitamina D, la cui espressione e funzionalità è essenziale per mantenere alta la percentuale di calcio assorbita con la dieta. Se il risultato del test genetico indica un'alta predisposizone a questa patologia, è necessario attuare prima possibile un'efficace prevenzione agendo sui fattori di rischio modificabili ed eseguire una M.O.C per valutare lo stato di mineralizzazione delle ossa. Il test genetico si può fare a qualsiasi età.

 

L'analisi M.O.C. (Mineralometria Ossea Computerizzata) è una moderna tecnica di investigazione medica diagnostica, il cui scopo è quello di investigare lo stato di mineralizzazione delle ossa. La MOC misura la densità della massa ossea, rivelando un'eventuale degenerazione della struttura. La sede di misurazione della M.O.C. ad ultrasuoni è il calcagno (tallone), in quanto si tratta di un osso che, come le vertebre, viene colpito per primo da un eventuale processo osteoporotico. La M.O.C. ad ultrasuoni è effettivamente in grado di stabilire se la persona che esegue l'esame presenta un aumento del rischio di frattura dovuto all'osteoporosi. L'esame è semplice, sicuro, non invasivo e veloce (15 secondi) e viene effettuato comodamente in farmacia al costo di 15 euro con attrezzature validate. I risultati sono immediati e consentono al medico di prendere corrette decisioni terapeutiche.